Home > Senza categoria > Le contraddizioni in seno al (po)polo 3/ La vendetta

Le contraddizioni in seno al (po)polo 3/ La vendetta

5 Aprile 2005

E’ notorio: dopo i risultati elettorali nessuno ha perso e tutti hanno vinto, con molti distinguo.
Di fronte a questa oggettiva valanga di consensi per il centrosinistra si profilano però le affermazioni di alcuni politici che non vogliono o non possono capire.
Sto raccogliendo queste “perle”, a futura memoria. Il work è in progress, aggiungete pure:

L?elettorato è stato distratto dalla morte del Papa e questo indubbiamente ha avuto un ruolo anche sui dati dell?astensionismo.
(La Loggia, ministro per gli Affari Regionali. Commento: sconfessato dalle percentuali)

La sconfitta è avvenuta perchè Berlusconi non si è impegnato nella campagna elettorale. (Cicchitto, coordinatore di Forza Italia. Commento: pensa se si fosse impegnato?)

Con la mia vittoria mi metto a disposizione di tutta la coalizione. (Formigoni, presidente della Lombardia. Commento: eufemismo per passare all’incasso e porre la propria candidatura a futuro capo della Casa delle Libertà.)

Aspettiamo i risultati definitivi. (Bondi, coordinatore emerito di Forza Italia. Commento: nessuno, come potrei?)

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,
  1. maioranarenato
    5 Aprile 2005 a 13:48 | #1

    C’e’ poco da commentare evidentemente l’elettorato non ha capito il programma del governo non e’ riuscito a percepire la fondamentale opera di ricostruzione che il governo sta facendo.
    Ha dimenticato troppo presto il mal governo di centro sinistra con le tasse per la salute quelle per l’Europa, le trattenute in busta paga e sui conti correnti e male ha fatto il centro destra a non mettersi in “vetrina”.
    Certo ora bisognera’fare una seria valutazione e correre ai ripari se si vuole vincere alle politiche

  2. Stefano
    5 Aprile 2005 a 14:17 | #2

    Cara Flavia,
    aggiungo la frase di Calderoli: “Ritocchi al governo? Per l’amor di Dio” che ho letto su http://www.agi.it/news.pl?doc=200504041948-1233-RT1-CRO-0-NF81&page=0&id=agionline.italyonline
    Commento: altrimenti si capisce che è stato un voto politico…
    Comunque ho apprezzato Fini, uno dei pochi che hanno ammesso pubblicamente la sconfitta. Ciao.

  3. Teresa
    5 Aprile 2005 a 14:18 | #3

    per maioranarenato,
    Secondo me l’elettorato ha capito anche troppo bene, lo tesimoniano i risultati!
    Spiace rammentarti che sia la tassa per la salute che quella sui conti correnti sono state introdotte da governi che nulla hanno a che fare con il centro sinistra attuale, anzi la maggior parte dei sostenitori di quei governi hanno trovato casa a Destra.
    Per quanto riguarda la vetrina, concorderai con me che nessun altra coalizione politica ha avuto ed ha la visibilità di questa ora al governo.
    Io più semplicemente penso che la gente è stufa di farsi raccontare bugie e che si sia resa conto che, tolte le normative a favore del premier e dei suoi compari, questo governo niente ha fatto per il cittadino se non umiliarlo con riforme fatte solo per accontentare questa o quella parte politica che lo sostiene.
    cordialmente Teresa

  4. flavia
    5 Aprile 2005 a 14:27 | #4

    Ecco una chicca assoluta riportata dal sito di Forza Italia:

    Il risultato elettorale e? “responsabilita? di molti, ma non certo di Berlusconi”. Lo ha affermato il ministro per l?Attuazione del Programma, Claudio Scajola, sottolineando che “soprattutto questa volta, le elezioni regionali hanno avuto un carattere fortemente localistico, come e? giusto che sia. E quindi il risultato, che non e? soddisfacente, non riguarda Berlusconi o il governo, che si sono correttamente tenuti fuori dalla campagna elettorale.
    Commento: il re è nudo!

    PER MAIORANARENATO:
    Quando si perde, è prova di maturità politica analizzare le ragioni di una sconfitta, tenendo conto che in democrazia vincono i numeri. Non si può invocare che “gli elettori non hanno capito”. E’ proprio perchè hanno capito che hanno votato così!
    Ciao

    PER STEFANO:
    sono d’accordo con te. Fini è un politico maturo. Grazie per la chicca leghista.

  5. jk
    5 Aprile 2005 a 14:53 | #5

    Battuta fulminante:
    “Non è colpa loro, è la situazione che non li ha capiti!” G Angius

    Strafelice, grazie.
    jk

  6. NNS
    5 Aprile 2005 a 15:16 | #6

    La vittoria ha molti padri, la sconfitta è ‘na zoccola senza famiglia.

    Ciao

    p.s.
    ho appena postato un commento generale, io non credo che si sia trattato di uno spostamento a sinistra o che la sinistra abbia vinto, semplicemente la destra ha perso perchè è andata troppo a destra e non ha dato niente in cambio (ovvero “crisi economica”)

    riciao

  7. Devil Buio
    5 Aprile 2005 a 17:27 | #7

    Proprio a seguito di queste dichiarazioni è dovuto scendere in campo a Porta a Porta il ministro Fini, per ammettere la sconfitta ed evitare almeno il ridicolo.

  8. Mr. Arkadin
    5 Aprile 2005 a 22:47 | #8

    Non può mancare la preventiva giustificazione di berlusconi alla probabile mazzata elettorale. Dichiara a porta a porta:
    “in tutta europa chi è al governo, di destra o di sinistra ha perso le elezioni o ha avuto una flessione, quindi è possibile che avvenga anche in Italia”.
    Profetico e giustificatorio berlusca, che come sempre mette le mani avanti quando non può incensare il suo operato: non è mai colpa della sua politica!

  9. Mr. Arkadin
    6 Aprile 2005 a 1:32 | #9

    La giustificazione di berlusconi nel dopo elezioni:
    “abbiamo perso perché non sono sceso in campo io, ma alle politiche ci sarò e vinceremo”.
    Peccato che lui stesso ha appoggiato la campagna di storace in lazio e hanno perso comunque.
    Saluti.

  10. flavia
    6 Aprile 2005 a 10:38 | #10

    Dopo aver visto la puntata di Ballarò di ieri sera non ho più commenti da riportare. Le frasi di Berlusconi rappresentano lo spaccato più evidente di una parte dell’Italia, ma soprattutto rivelano un sottofondo freudiano: la tesi del “complotto”, che in Italia resiste sempre. Anche quando si perdono le elezioni la colpa è di un “complotto”. Ieri sera aleggiava la Spectre, una sorta di cupola di sinistra che sovrintenderebbe alla cultura, all’economia, alle istituzioni. Per questo dico: no more comment!

  11. barbara
    6 Aprile 2005 a 22:13 | #11

    uhmmmmmmm:
    “chiedetemi se sono felice!!!!!!!!”
    stra-felice!
    Grazie a tutti quelli ke sono andati a votare!!!!

I commenti sono chiusi.